Cancro al seno dal punto di vista di un chirurgo plastico

Ott 22, 2020 by Donna

Se alla paziente viene diagnosticato un cancro al seno, ci vorrà del tempo prima del trattamento finale. Questo tempo viene utilizzato anche per un coordinamento ottimale del trattamento. La collaborazione interdisciplinare tra ginecologi, oncologi e chirurghi plastici è essenziale per un trattamento che sia adattato individualmente alle esigenze del paziente. Quest’ultimo si occupa della ricostruzione del seno in caso di amputazione del seno (mastectomia).

La rimozione chirurgica del tessuto tumorale dal seno è una parte fondamentale e importante del trattamento del cancro al seno. Tuttavia, questo è solo un collegamento nella sequenza dell’intero trattamento, che si basa sullo stadio della malattia nel suo insieme. Durante la procedura, il tessuto tumorale viene prima rimosso dal seno. La quantità di tessuto da rimuovere dipende principalmente dalle dimensioni e dalla diffusione del tumore.

La chirurgia conservativa del seno è possibile per la maggior parte delle donne oggi. Se ciò non è possibile e il seno deve essere rimosso (mastectomia), i pazienti possono quasi sempre scegliere tra diversi metodi di ricostruzione del seno, dalle protesi del reggiseno alle protesi al silicone utilizzate in modo permanente, all’aumento del seno con il proprio tessuto corporeo.

Chirurgia conservativa del seno per il cancro al seno

Se il tumore è molto grande, non può essere rimosso immediatamente. Nel caso di pazienti malati, la precedente chemioterapia può ridurre il tumore e renderlo praticabile. La terapia di follow-up può anche consentire ad alcune donne di rinunciare a una mastectomia e invece sottoporsi a un intervento chirurgico di conservazione del seno.

Dopo un intervento chirurgico di conservazione del seno e in base all’esame del tessuto e al grado di tumore, a volte è necessario irradiare il seno per ridurre il rischio di recidiva. La radioterapia viene utilizzata per uccidere le cellule tumorali che potrebbero essere rimaste nel seno. Per molti pazienti, la chirurgia è anche accompagnata da terapia ormonale, chemioterapia o immunoterapia. Se il rischio è particolarmente alto, tutti e tre i metodi possono essere combinati. Come per l’esposizione alle radiazioni, questi trattamenti sono progettati per ridurre il rischio di recidiva e prevenire la diffusione della malattia.

Riduzione del seno (mastectomia)

Se le dimensioni e la diffusione del tumore non consentono un intervento chirurgico conservativo, è necessaria la rimozione completa del seno (mastectomia). Tuttavia, anche con una mastectomia, il seno non viene più rimosso radicalmente come lo era solo pochi decenni fa, insieme al muscolo sottostante e a una miriade di tessuti circostanti. Anche le possibilità di ricostruzione chirurgica del seno dopo l’amputazione si sono evolute.

La necessità di radiazioni dopo la rimozione del seno dipende dal rischio di recidiva dell’individuo.

Aumento del seno con protesi mammarie

Dopo l’amputazione, il seno può essere ripristinato con protesi. I più comuni sono gli impianti riempiti con gel di silicone. Nonostante precedenti segnalazioni di problemi con impianti economici e impianti con riempitivi non approvati, le protesi in silicone di buona qualità sono ora considerate sicure. Soprattutto quando si tratta del rischio di malattie autoimmuni o addirittura di cancro al seno.

È anche possibile riempire con soluzione salina, ad esempio, per gli impianti che vengono utilizzati solo temporaneamente. Questi impianti possono essere riempiti sequenzialmente con acqua attraverso una valvola precedentemente posizionata sotto la pelle. In questo modo, è possibile ottenere una pelle aggiuntiva, che consente l’uso di un impianto di gel di silicone più grande in una seconda operazione. Il vantaggio delle protesi in gel di silicone rispetto alle protesi riempite d’acqua è che sono più naturali, quasi come il tessuto mammario.

Se la pelle può essere risparmiata durante l’amputazione del seno, il capezzolo e il cortile circostante possono spesso essere preservati in tutto o in parte. Se ciò non è possibile, ci sono varie opzioni per la ricostruzione.

Aumento del seno senza impianto utilizzando il proprio tessuto corporeo

In alternativa a un impianto, un seno amputato può anche essere riparato con il proprio tessuto dall’addome o dalla schiena, meno comunemente da altre parti del corpo. Per fare questo, un panno di pelle con grasso o senza muscoli viene “spostato” nel petto o “trapiantato” lì.

Se il tessuto viene spostato, viene mantenuto il suo apporto di sangue originale. Il chirurgo plastico indebolisce solo parzialmente il tessuto muscolare (solitamente dalla schiena o dall’addome) e lo sposta sotto la pelle verso la parete toracica. Lì il tessuto è modellato sul nuovo seno. D’altra parte, se il tessuto viene trapiantato, viene brevemente completamente staccato dal corpo e quindi ricollegato ai vasi sanguigni nella parete toracica utilizzando la tecnologia microchirurgica. L’aumento del seno con il proprio tessuto è molto più difficile e complesso del posizionamento dell’impianto: le procedure richiedono molto tempo, il rischio di sanguinamento è molto più alto e il rischio di ulteriori complicazioni aumenta. Inoltre, le donne dovrebbero aspettarsi ulteriori grandi cicatrici nel punto di campionamento.

A seconda della tecnica chirurgica, la rimozione del tessuto può comportare una limitazione del movimento, ad esempio se vengono utilizzate parti dei muscoli della schiena. Esiste anche il rischio di disturbi circolatori e morte dei tessuti, quindi è necessario un intervento chirurgico di follow-up. Il recupero e il successivo trattamento della ricostruzione del seno con il proprio tessuto è più lungo e complesso rispetto alla ricostruzione con protesi.

Il vantaggio del metodo del tessuto del corpo è che il corpo riconosce il proprio tessuto come tale e non attiva alcun meccanismo di difesa. In alcuni casi, è consigliabile combinare una protesi mammaria con la ricostruzione del seno utilizzando il proprio tessuto.

Tuttavia, il metodo migliore in ogni caso dipende dai desideri della donna e dalla sua situazione medica: ad esempio, se la paziente è molto magra, di solito non ha abbastanza tessuto sullo stomaco per formare il suo seno e deve anche donare molto tessuto sano. quando i muscoli vengono rimossi dalla schiena. In particolare, per i seni grandi, l’impianto viene utilizzato in aggiunta al tessuto del paziente.

L’aumento del seno con grasso autologo (senza pelle e muscoli) non è ancora una tecnica chirurgica matura ed è stata utilizzata raramente fino ad ora e di solito in ambienti di ricerca. Tuttavia, sembra essere un’alternativa promettente per il futuro, soprattutto con una migliore ricerca sulle cellule staminali.

Il seno ricostruito può ancora cambiare dopo la procedura: ad esempio, quando si utilizzano protesi, la pelle è leggermente compressa. Un torace costruito con il tuo tessuto può ancora affondare. Pertanto, il capezzolo raramente si riprende immediatamente, ma di solito solo pochi mesi dopo la ricostruzione del seno.

By Donna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *